messaggi del mese, luglio 2017

Posted on 01 Lug 2017

Rifugiati: far crescere la fraternità

 

 

Nella giornata internazionale dei rifugiati, i fratelli di Taizé e i giovani riuniti a Taizé hanno pregato per i migranti che sono morti nei giorni scorsi al largo della Libia mentre cercavano di attraversare il Mediterraneo per raggiungere l’Europa. Come ogni settimana d’estate si è tenuto anche un nuovo laboratorio dal titolo “Correndo il rischio di accogliere. Migranti, richiedenti asilo, rifugiati … Chi siete? “Inoltre, i preparativi per la settimana di riflessione sul tema delle migrazioni stanno avanzando. Molti oratori hanno confermato la loro presenza, come Pascal Brice (Francia), il direttore di OFPRA, Catherine Wihtol di Wenden (Francia), direttore di ricerca emerito al CNRS, l’Arcivescovo di York, John Sentamu (Uganda / Inghilterra), Padre Michael Czerny (Canada / Italia) della Sezione per i migranti e rifugiati del Vaticano, Petra Feil (Germania / Svizzera) della Federazione Mondiale Luterana e altri rappresentanti di vari movimenti coinvolti nel fornire sostegno ai migranti, come il Servizio dei Gesuiti per i Rifugiati o la Caritas Europa.Sarebbe importante, per i giovani che conoscono Taizé, suggerire ad alcuni rifugiati di venire e vivere insieme questa settimana. Se sei interessato a questo incontro, o se hai un suggerimento per un intervento, puoi contattare il team a solidarity@taize.fr. Infine, una iniziativa concreta di solidarietà sarà proposta all’inizio di luglio per i giovani partecipanti che lo desiderano.


In occasione del Giornata Mondiale del Rifugiato è stata pubblicata una dichiarazione ecumenica. Eccone due estratti.

Rifugiati: possibilità di crescere insieme


La Bibbia cristiana racconta la storia di due uomini, Pietro e Cornelio, profondamente divisi dalla fede religiosa e dalla cultura che, incontrandosi, hanno scoperto una verità sulla volontà comune di Dio per la loro vita che non avevano precedentemente afferrato. Hanno imparato che lo Spirito Santo abbatte i muri e unisce quelli che pensano di non avere niente in comune.

In tutto il mondo, donne, uomini e bambini sono costretti da violenze, persecuzioni, disastri naturali e umani, carestie e altri fattori, a lasciare le loro patrie. Il loro desiderio di sfuggire alla sofferenza è più forte delle barriere erette per bloccare la loro strada. L’opposizione da parte di alcuni paesi alla migrazione degli sfollati non impedirà a coloro che subiscono sofferenze insopportabili di lasciare le loro case. (….)

I segni di solidarietà possono essere moltiplicati oltre i confini della religione e della cultura. Incontrare credenti di altre fedi ci incoraggia ad approfondire la nostra conoscenza della nostra fede, e nel nostro incontro con i nostri fratelli e sorelle rifugiati, Dio ci parla e ci benedica come ha fatto con Cornelio e Pietro.

 

Ultimo aggiornamento: 22 giugno 2017